Dopo aver passato brevemente in rassegna gli avvenimenti che ebbero come protagonista il protestante Bruno Cornacchiola convertito dalla Vergine della Rivelazione, cerchiamo adesso di penetrare più a fondo nel significato e nel valore di queste eccezionali rivelazioni

« Sono Colei che Sono nella Trinità Divina »…

La Vergine SS. si presentò a Bruno in modo sorprendente: « Io Sono Colei che Sono nella Trinità Divina. Sono la Vergine della Rivelazione ». Quale sublimità e quale maestà in queste poche sillabe!

Se certamente è impossibile coglierne appieno la pregnanza e scandagliarne le profondità, non sarà infruttuoso provare a spigolare all’interno di questo originalissimo titolo mariano con alcune rapide considerazioni che gettino almeno un pò di luce sul mistero di Colei che è nella Trinità Divina.

Queste parole hanno una certa “assonanza” con l’autorivelazione di Dio sul monte Sinai[1], davanti alla quale qualche “spirito minimista” potrebbe restarne scandalizzato: ma, ricordiamolo, è proprio Colei di cui Dio guardò la profonda umiltà a parlare così di Sé stessa…

Un’auto-rivelazione, dunque, che fa unità con quella di Lourdes: « Io sono L’immacolata Concezione ». Le due “autopresentazioni” vanno accostate e lette insieme: in tal modo si chiarisce come il privilegio ricevuto dall’Immacolata della preservazione dal peccato originale e dell’arricchimento di grazia sovrabbondante sta alla radice della sua posizione nel seno della Trinità; non certo nel senso che Ella diventi una persona divina: pur permanendo persona umana, tuttavia, è permeata a tal punto dalla divinità da meritare un posto assolutamente privilegiato nella gloria.

Proviamo a riflettere, chiedendo aiuto a due grandi santi francescani. Il primo è nientemeno che san Francesco d’Assisi. Si deve infatti sapere che « tra gli Scritti di san Francesco, leggiamo questa mirabile antifona mariana: “Santa Maria Vergine, non vi è alcuna simile a te, nata nel mondo, tra le donne, figlia e ancella dell’altissimo Re, il Padre celeste,  Madre del santissimo Signore nostro Gesù Cristo, Sposa dello Spirito Santo”.

In poche frasi, san Francesco d’Assisi, teologo mistico, presenta l’Immacolata nella sua unicità, espressa in luce trinitaria altissima, a richiamo ravvicinato dell’antica espressione dei Padri che consideravano e chiamavano Maria Santissima “complementum Trinitatis”, (complemento della Santissima Trinità), a richiamo, ancor più suggestivo, dell’espressione di santa Maria Maddalena de’ Pazzi (1566-1607), la celebre mistica carmelitana fiorentina, che definiva Maria Santissima “sazietà della Santissima Trinità”»[2].

Chi, recentemente, sulla scia di san Francesco ha lasciato un contributo prezioso nella riflessione sulle relazioni intercorrenti tra Maria e la Santissima Trinità è stato san Massimiliano Kolbe, il sacerdote francescano polacco, profeta e testimone della consacrazione illimitata all’Immacolata.

Nella speculazione sul mistero di Maria in rapporto alle Tre Divine Persone ebbe dei lampi di intuizione degni del grande mistico oltre che dell’insigne teologo:

« L’Immacolata mediante la concezione e il parto del Figlio di Dio entrò in parentela spirituale con le Persone della SS.ma Trinità. In relazione al Padre è figlia. La primogenita e unigenita figlia di Dio: tutti i giusti sono figli di Dio per grazia, ma l’Immacolata lo è in grado maggiore, per altro titolo, e lo sarebbe perfino se Cristo non avesse esteso questa grazia a tutti gli uomini. In relazione al Figlio è Sua vera Madre. Il dogma dell’unione ipostatica dice che la natura umana di Gesù Cristo dal primo istante della concezione fu unita alla Persona divina, senza cui non poteva esistere. Maria dunque ha generato Dio e l’uomo. È una dignità infinita, che supera quella di tutte le creature in Cielo e in terra. Per essa ha ricevuto la pienezza di grazia, è colmata di tutti i privilegi, coopera attivamente all’opera della Redenzione e distribuisce tutte le grazie divenendo per tutti Mediatrice. In relazione allo Spirito Santo è Sposa, poiché ha concepito per opera Sua, e così la chiamavano già i teologi medievali »[3].

In forza della sua divina maternità, Maria SS. non solo entrò per sempre in una relazione profonda con le Tre Persone Divine ma addirittura costituì con Queste una “famiglia” contraendo una sorta di “parentela spirituale”, secondo il pensiero ardito di san Massimiliano.

E si potrebbe andare oltre. È ancora san Massimiliano a spiegare come la Vergine SS. sia immagine e riproduzione creata delle perfezioni e delle prerogative increate delle tre Persone divine, nella misura massima possibile a creatura umana.

A questo punto, l’intuizione più singolare di san Massimiliano Kolbe: lo Spirito Santo è Concezione Immacolata Increata e procede per spirazione dal Padre e dal Figlio. È una Concezione Increata, divina, “ab aeterno”, nel seno della SS. Trinità. La Vergine Maria, invece, è stata concepita immacolatamente nel tempo, in un momento stabilito; è creatura fatta dalla mani del Creatore: è, dunque, Immacolata Concezione Creata. Ella è, altresì, riflesso della maternità divina increata del Padre, il Quale è la Sorgente di ogni perfezione creata e, perciò, anche della maternità. Ella è, dunque, la Madre Divina Creata. Infine, può anche dirsi riproduzione della Figliolanza divina Increata del Verbo, Lei che è Figlia dell’Eterno Padre[4]. “Qui la testa gira”…, direbbe san Massimiliano!

Sono queste, oltre che misteri sublimi, realtà presenti in Colei che si è voluta definire, contro ogni sprezzante minimismo di chi la vuole, abbassare e degradare, Colei che è nella Trinità Divina. Sono realtà che, per poter essere afferrate, devono essere penetrate con la guida di una luce superiore che Dio concede alle anime e ai cuori semplici e puri.

Da queste riflessioni consegue che se il mistero di Maria Immacolata è così strettamente prossimo ed intimo con quello della SS. Trinità, vivere in comunione con Lei significa vivere in comunione con la santissima Trinità! Lei conduce le anime a Lei devote sin nel, senso della vita trinitaria; non si può separare la Madonna dal mistero di Dio Trino ed Uno. È Lei stessa che ce lo rivela. È una importante presa di coscienza per al quale diventa chiaro che è Lei la Scala e Porta del Cielo che conduce la vita cristiana alla perfezione e alla beatitudine celesti.

 Note:

[1] Spiega opportunamente in compianto padre Angelo M. Tentori, dei Servi di Maria:« L’espressione che usa è ardita, mai pronunciata così esplicitamente, a bruciapelo, ma non lascia adito a dubbi. Infatti dice: “Sono colei che sono nella Trinità divina”. Davanti a chi vuole abbassarla, Lei si innalza alla sua altezza vertiginosa. L’affermazione “Sono colei che sono”, solenne e forte, sembra riecheggiare addirittura l’autodefinizione di Dio sul monte Oreb »: padre A. M. Tentori, La Bella Signora, delle tre Fontane, p. 82.

[2] Padre S. M. Manelli, L’Immacolata Concezione. Novena, Casa Mariana Editrice, Frigento 2006, p. 32.

[3] Si tratta della sua ultima conferenza tenuta nel campo di concentramento di Auschwitz, una domenica
pomeriggio del luglio 1941, un mese prima della sua gloriosa morte nel bunker di quel campo infernale. E’ particolarmente significativo che l’ultimo discorso tenuto dal padre Kolbe prima della morte riguardasse proprio questo argomento e non altri più “pratici” ed urgenti… Ecco dov’erano la sua mente ed il suo cuore, nelle stratosfere celesti!

[4] Quella del grande san Massimiliano Kolbe potrebbe definirsi come una preziosa sintesi mistico-speculativa di tutta quello che insegna la Tradizione cattolica sulle reazioni tra Trinità Divina e Maria Immacolata con in più intuizioni tutte sue: « Il vertice dell’amore della creazione che torna a Dio è l’Immacolata… E in Lei avviene il miracolo dell’unione di Dio con la creazione. A Lei, come alla propria sposa, il Padre affida il Figlio, il Figlio discende nel Suo grembo verginale, divenendo Figlio di Lei, mentre lo Spirito Santo forma in Lei in modo prodigioso il corpo di Gesù e prende dimora nella Sua anima, La compenetra in modo così ineffabile… Dal momento in cui si è attuata tale unione, lo Spirito Santo non concede alcuna grazia, il Padre non fa scendere, attraverso il Figlio e lo Spirito, nell’anima la vita soprannaturale se non attraverso la Mediatrice di tutte le grazie, l’Immacolata, con il Suo assenso, con la Sua collaborazione. Ella riceve tutti i tesori di grazia in proprietà e li distribuisce a chi e nella misura che Ella stessa vuole »: san Massimiliano Kolbe, Scritti, ENMI, Roma 1997, n. 1310.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...