Stavo conducendo una ricerca sui Santi Innocenti, le rivelazioni celesti e quant’altro potesse offrirmi qualche spunto per le pubblicazioni di ieri, 28 dicembre, in cui la Chiesa ha fatto memoria della strage dei Santi Innocenti di Betlemme e mi sono imbattuto in un testo datato 4 luglio 1953. Mi fermo, leggo, capisco…

Si tratta di una rivelazione celeste della Vergine SS. a Maria Valtorta in cui Ella rammenta la sua apparizione alle Tre Fontane nell’occasione in cui convertitì il protestante Cornacchiola e lo favorì di visioni e rivelazioni straordinarie che sempre di più si affermano per profondità e arguzia profetica.

Un testo ricco di spunti su cui meditare. In esso si accenna anche all’importanza delle apparizioni mariane e allo scontro feroce tra l’Immacolata Corredentrice e Satana che non si compie solo in questi tempi ma ha la sua radice negli eventi della vita di Maria Santissima, perché da sempre il serpente infernale l’ha odiata e perseguitata in quanto riconosceva in Lei la sua eterna Nemica destinata a schiacciargli il capo…

Come un tempo non potè nulla contro di Lei, neppure oggi – in cui pure assistiamo al suo scatenamento bestiale – potrà finalmente trionfare e già si avvicina la sua temutissima ed inevitabile rovina. Questa sconfitta è stata vaticinata dai Testi Sacri della Rivelazione infallibile per cui è verità eterna che nulla o nessuno potrà impedire che si compia. Amen!

E ora accostatevi direttamente a queste poche righe , bellissime e drammatiche allo stesso tempo.

***

2° Sabato di Fatima. 4-7-53
[Dice Maria:]

Ripeto quanto già ti dissi nell’ottobre 1947 e che non trovi più.
Sono apparsa a Roma, con quelle vesti e con quel libro, per questi motivi, che sono anche tre grandi verità, anzi quattro.

Perché Roma è Sede del Papato, e il Papa avrà tanto e sempre più a soffrire, questo, e i futuri, per le forze d’Averno scagliate sempre più contro la S. Chiesa e i suoi rappresentanti e Ministri. Ricordi quel dettato del 20-11-43, che poi, per ordine celeste, dovesti distruggere il 24-3-46, per por fine all’imprudenza pericolosa dei Padri? In esso è predetto, dall’antica profezia di Isaia c.23 v.18, quanto avverrà in un’ora di prevalenza infernale, ossia anticristiana, comunista, cosi come ti fu detto il 21-12-45, sempre per bocca di Gabriele, l’arcangelo degli annunzi, verso che epoca sarà la fine del mondo, la purificazione del novello Tempio, tratta dall’antica profezia di Daniele c.8 v.14. Ebbene ciò avverrà, ed Io qui mi metto a difesa, per allontanare quei tempi e quelle azioni sacrileghe.

Sono vestita dei colori della tua Patria, che sono anche quelli delle tre virtù teologali, perché virtù e patria sono troppo disamate, trascurate, calpestate, ed Io vengo a ricordare, con questa mia veste inusitata, per Me che vesto quasi sempre di bianco, che occorre tornare all’amore alle Virtù e alla Patria, al vero Amore.

Tengo in mano il libro delle Rivelazioni perché troppo si legge di cose profane e nocive, ma troppo si trascurano il Vangelo e le altre parole di Vita Eterna, ed Io voglio, perché le anime vivano e si salvino, che si ritorni a quei libri, canonici o rivelati agli eletti.

Indico la veste talare gettata al suolo, sporca, strappata con sopra la croce infranta, per dirvi che sempre più e più estesamente nel mondo, ciò si verificherà. Come ai primi tempi della Chiesa Cristiana i miei figli: Sacerdoti e fedeli, furono trucidati, martirizzati, conculcati, cosi in questi, e più nei tempi prossimi, Chiesa e Cattolici saranno oppressi, uccisi. Ma dal loro martirio verrà il cemento, la calce per ricementare la Chiesa urtata, sgretolata dai figli di Satana.

Ma occorre pregare, pregare molto. E perché la marea infernale non dilaghi in questa Nazione, e in Roma soprattutto, e perché non trionfi l’Inferno, la Bestia d’Abisso, la Babilonia infernale, e perché il Dragone, che mi ha sempre odiato e mi odia e che, quando ero in terra, mi perseguitò in molti modi, da quando divenni madre per opera di Spirito Santo a quando ci fu la strage degli innocenti, a quando fui calunniata, schernita, odiata perché Madre di Gesù, sino a quando dovetti assistere, prima in spirito, poi corporalmente, alle atroci pene del Figlio mio, non prevalga. Pregare, pregare, pregare! Convertirsi, credere se increduli, tornare all’ovile se si è separati da esso; purificarsi, se colpevoli di peccati immondi; ricostruirsi, se demoliti dalle forze ed eresie del secolo: rinascere in Gesù che vi è Redenzione e Vita e in Me che sono la Madre di tutti i cristiani, e anche degli altri, che voglio miei.

Sono la Vergine della Rivelazione. Lo fui da quando ancor ero in seno a mia madre, perché, essendo Immacolata, sempre tutto seppi e compresi, anche le cose più oscure. Vorrei che la Rivelazione che t’è stata data fosse nota al mondo, perché sarebbe rete di pesca miracolosa, luce nelle tenebre di tanti cuori, sale, pane, vino di Vita eterna. E ho infinito dolore perché la ostacolano, e piango perciò su chi impedisce la diffusione dell’opera, e su te e chi muore in peccato per questa privazione.

Così come portai il mio piede purissimo, il mio Io, perfetto in santità per essere Immacolato e Sposato a Dio, generatore del Verbo di Dio, nel tumulto ingiusto e scomposto dei gerosolimitani davanti al Pretorio e per le vie della città e sul Calvario, così porto ora il mio Io glorificato là dove più è forte il Comunismo che è, in tutto, la ripetizione dell’ingiusto odio verso il Corpo materiale e mistico del Figlio mio.

Ogni volta che, nei secoli, apparvi in qualche luogo, lo fu perché ivi o regnava l’anarchia, o la massoneria, o la rivoluzione, o altri castighi provocati dalle colpe degli uomini, o perché era necessario, con un prodigio, ricondurre a giustizia parenti, ecclesiastici, religiosi maschi e femmine, che non erano più giusti.

Così a Caravaggio, a Pompei, a Lourdes, a Fatima, e in molti altri luoghi italiani, europei e anche d’altri continenti. E anche ora appaio là dove più è radicato il Comunismo, la spada più pungente infissa nel mio Cuore, quella che mi fa cadere queste lacrime che tu ti affretti a raccogliere nel fazzoletto già santo, ma che ora, per questo mio pianto che vi cade, diviene santissimo.

Ma, ahimè! La gente traviata non muta. Si ripete esattamente la scena del Venerdì Santo: tradimenti, bestemmie orrende, atti sacrileghi, torture feroci, odio satanico, verso il Figlio e la Madre, nel tentativo di uccidere, abbattere tutto per avere un effimero ma spaventoso trionfo. Un protestante, giunto ad un punto di traviamento diabolico, specie verso Me, si è convertito. Ma costoro no. Si son dati a Satana, non ad una religione o eresia errate e riprovevoli, ed esso li tiene ben serrati, e la conversione non avviene come per il Cornacchiola, ma anzi sempre più la piovra orrenda che è il Comunismo, veleno satanico, li stringe e avvelena e si estende a far sempre nuove prede. Il comunismo: l’orca, non marina ma mondiale, che abbranca e trascina al naufragio totale: di corpi, anime, nazioni, quanti abbranca, cosï come porta a morte vite e vascelli, se li abbranca coi suoi orrendi tentacoli l’orca, il polipo gigante, terrore dei mari.

Bartolo Longo, ateo e massone, si converti, morì da santo per avermi trovata tra le immondezze. Ma questi no. Nulla li riporta al Bene. Quanto dolore mi danno li.

***

A proposito di rivelazioni di Maria Valtorta:

Il Natale visto e raccontato da Maria Valtorta – regalatevi questa deliziosa lettura…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...